La moda femminile nell'Ottocento: eleganza e raffinatezza

La moda femminile nell'Ottocento: eleganza e raffinatezza

Nell'Ottocento, la moda femminile si caratterizzava per l'eleganza e la raffinatezza. Le donne dell'epoca cercavano di esprimere la propria personalità attraverso gli abiti, che diventarono sempre più elaborati e sofisticati. I corsetti stretti e le gonne ampie erano molto popolari, enfatizzando la figura femminile e creando una silhouette ideale.

Questo video illustra alcuni degli abiti e degli accessori più iconici del periodo, mostrando come la moda fosse un elemento centrale nella vita delle donne dell'Ottocento. L'attenzione ai dettagli e la cura per i materiali di alta qualità erano fondamentali per creare un look sofisticato e di classe.

La moda femminile nell'Ottocento rappresenta un periodo di grande evoluzione e cambiamento, in cui le donne si affermavano sempre di più come figura di stile e eleganza.

Moda femminile nell'Ottocento

La moda femminile nell'Ottocento è stata caratterizzata da una serie di cambiamenti significativi nel corso del secolo. Durante gli anni '40 e '50, gli abiti femminili presentavano maniche ampie e voluminose, con colori pallidi e decorazioni floreali realistiche. Il corsetto, la sottogonna e le camicie erano indossate sotto gli abiti, creando una silhouette ampia e strutturata.

Negli anni '50, le sottogonne iniziarono a diminuire per fare spazio alla crinolina, che conferiva alle gonne una maggiore ampiezza. Gli abiti da giorno avevano un corpetto solido, mentre quelli da sera presentavano scollature profonde e venivano indossati con scialli sulle spalle. Nel corso degli anni '60, le gonne divennero più piatte nella parte anteriore e più gonfie dietro. Gli abiti da sera erano caratterizzati da scollature profonde e maniche corte, spesso indossati con guanti corti di pizzo o guanti imbottiti fatti ad uncinetto.

Negli anni '70, gli abiti da Tè divennero popolari per l'intrattenimento in casa, con gonne meno ampie e uno stile più snello. Le donne iniziarono a lottare per una figura più sottile, e gli abiti divennero molto stretti lungo il corsetto nel busto, nella vita e nella parte superiore delle cosce. Questo stile attillato era talmente restrittivo che molte vignette satiriche venivano pubblicate, raffigurando le donne che avevano difficoltà a sedersi o a salire le scale a causa dei loro abiti troppo aderenti.

Per completare il look, le donne indossavano piccoli cappelli calati sulla fronte e acconciature ricche di riccioli elaborati. Alcune donne aggiungevano volume ai loro capelli con l'uso di posticci chiamati "scalpettes" e "frizzettes". Per le attività all'aria aperta, venivano indossati abiti da caccia con gonne drappeggiate sulla caviglia, mentre per le passeggiate venivano scelte lunghe giacche e gonne, indossate con il trambusto, e piccoli cappelli o cuffie. Durante i viaggi, erano comuni i lunghi cappotti come lo spolverino.

Verso la fine dell'era vittoriana, intorno al 1900, la moda femminile subì un'ulteriore trasformazione. La figura femminile assunse una forma a triangolo invertito, con un cappello a tesa larga in cima, un body nella parte superiore del corpo con maniche a sbuffo, una tournure (una sorta di struttura che dava volume alla parte posteriore della gonna) e una gonna che si restringeva verso le caviglie, nota come "hobble skirt". Questo tipo di gonna era così stretto che limitava notevolmente i movimenti di chi la indossava.

Negli anni '90, gli abiti femminili erano caratterizzati da colli alti tenuti in posizione da collari e corpetti rigidi di osso. Le crinoline e i busti non erano più di moda. L'epoca vittoriana si stava avvicinando alla fine e la moda femminile stava cambiando ancora una volta.

La moda femminile nell'Ottocento: eleganza e raffinatezza

La moda femminile nell'Ottocento è stata caratterizzata da un'aura di eleganza e raffinatezza senza precedenti. Gli abiti delle donne di quell'epoca erano ricchi di dettagli e ornamenti, come pizzi, merletti e ricami, che conferivano loro un fascino senza tempo.

Le silhouette erano definite da corsetti stretti e gonne ampie, che enfatizzavano la figura femminile in modo delicato ma seducente. I colori predominanti erano il bianco, il nero e il rosso, simboli di purezza, eleganza e passione.

La moda dell'Ottocento ha lasciato un'impronta indelebile nella storia, rappresentando una dichiarazione di stile e raffinatezza che ancora oggi influisce sulle tendenze contemporanee.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *

Subir